La tassazione per lo stato italiano

Definizione, imposte e requisiti per la tassazione allo stato italiano da parte dei non residenti: un utile riassunto per fare chiarezza su un argomento articolato.

I non residenti

Ai fini delle imposte sui redditi sono considerati “non residenti” le persone che non sono iscritte nelle anagrafi per la maggior parte del periodo d’imposta, cioè per almeno 183 giorni (184 per gli anni bisestili) e non hanno nel territorio dello Stato italiano né il domicilio (sede principale di affari e interessi) né la residenza (dimora abituale).

Se viene a mancare anche una sola di queste condizioni i contribuenti interessati sono considerati residenti a tutti gli effetti e quindi anche per quanto riguarda la tassazione per lo stato italiano.

I non residenti che hanno prodotto redditi o possiedono beni in Italia sono tenuti a versare le imposte allo Stato italiano.

Sono previste alcune eccezioni:

Imposte per i non residenti

Le principali imposte che possono riguardare i non residenti sono:

attach_fileGuida Fiscale per i non residenti in Italia

Doppia imposizione fiscale

Grazie alla convenzione sulla doppia imposizione fiscale, per gli stipendi pagati da un datore di lavoro privato in Irlanda è prevista la tassazione esclusiva nel Paese di residenza del lavoratore quando esistono contemporaneamente le seguenti condizioni:

In tali casi gli stipendi non vanno dichiarati allo Stato italiano.

attach_fileRiepilogo Doppia Tassazione
Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 1 su 2 voti
Condividi