Itinerario nelle Midlands

Fuori dai grandi circuiti turistici, questo insieme di contee è riucito a conservare intatti scorci e angoli di una campagna straordinaria e ancora incontaminata

Percorso: 430 km | Durata: 4 giorni | Periodo consigliato: luglio

Questo itinerario vuole esplorare una zona poco conosciuta, il cuore d’Irlanda, le  Midlands. Un po’ fuori dai grandi circuiti turistici, questo insieme di contee è riucito a conservare intatti scorci e angoli di una campagna straordinaria e ancora incontaminata: laghi, torbiere, pascoli e acquitrini.

Risparmiata dal turismo di massa, questa terra è la meta ideale per chi è in cerca di scenari selvaggi, gente autentica, atmosfere raccolte e una pace assoluta dove il vero motto è vivere con lentezza, seguendo i ritmi della natura e delle attività agricole e della pesca, a passo lento.

Tappe principali

  1. Contea di Westmeath e contea di Offaly: Mullingar- Clara – Clonmacnoise- Athlone | 82 km
  2. Contea di Longford e contea di Roscommon: Longford – Clondra – Strokestown | 75 km
  3. Contea di Leitrim:  Carrick-on-Shannon – Drumshanbo – Glencar | 83 km
  4. Contea di Cavan: Belturbet – Butlers Bridge – Killeshandra – Ballyjamesduff – Fore | 100 km

 

Itinerario giorno per giorno

1° giorno: contea di Westmeath e contea di Offaly

Il percorso parte dal cuore d’Irlanda, la contea di Westmeath, che vanta un paesaggio vario e suggestivo: morbide colline, dolci campagne, torbiere selvagge, laghi lucenti, tranquilli canali e il fiero fiume Shannon che scorre immemore dei cambiamenti. Il Westmeath è un vero paradiso per i pescatori, oltre che meta ideale per gli amanti della navigazione e di infiniti altri sport acquatici.

Partendo da Mullingar, capoluogo della contea, si passa a visitare la storica Athlone con il suo Castle&Visitor Centre, appena sotto il Lough Ree.  Ad Athlone, diversi operatori specializzati  propongono belle crociere sul fiume Shannon, ma si possono noleggiare imbarcazioni per avventurarsi anche lungo il Royal Canal.

Consigli

  • Nel Westmeath ci sono poi tre circoli velici: il Lough Ree Yacht Club, il Wineport Sailing Centre e il centro sul Lough Owel. Qui gli appassionati di pesca possono noleggiare barca e attrezzatura e trovare a disposizione negozi specializzati e personale esperto.
  • Chi invece ama passeggiare, nel Westmeath troverà numerosi sentieri segnalati di varia lunghezza lungo le sponde dei fiumi e lungo gli argini dei canali. Percorrerli è un’esperienza da non perdere.
  • Non si può non dedicare del tempo ad uno dei più importanti siti monastici d’Irlanda, Clonmacnoise, sforando nella contea di Offaly.
  • Sempre nella contea di Offaly, a circa 11 km a nord-ovest di Tullamore, si trova Clara Bog, una delle più vaste torbiere d’Irlanda, punteggiata da una grande varietà di piante e da stagni e tappeti di muschio.

2° giorno: contee di Longford e Roscommon

Da Athlone, invece di proseguire lungo la N55, prendete la strada che costeggia il Lough Ree alla volta della contea di Longford.

Durante il viaggio l’acqua non vi abbandonerà mai: vi accompagneranno il fiume Shannon, il Lough Ree, il fiume Inny e il Lough Gowan. Il Longford può vantare oltre 60 tra laghi e fiumi, con infinite opportunità di pesca, navigazione, sport acquatici e anche camminate.

Consigli

  • Là dove il Royal Canal si congiunge allo Shannon, prevedete una sosta a Clondra (N63), bella cittadina dal maestoso porto.
  • Degno di visita è anche il Corlea Trackway Visitor Centre di Kenagh, che ospita una mostra sulla storia di questa antica strada, costruita con tronchi di legno nell’Età del ferro, e più precisamente nell’anno 148 a.C, attraverso le torbiere e fino al fiume Shannon.
  • Ardagh, delizioso villaggio della seconda metà dell’Ottocento che vanta un capolvaro di architettura e di verde, la Belvedere House con i suoi giardini.
  • Una breve deviazione lungo la N5 all’altezza di Longford vi porterà invece a Strokestown, nella contea di Roscommon. Gli Strokestown Park House & Gardens sono una meta irrinunciabile. Nella tenuta c’è anche un meraviglioso museo dedicato alla Grande Carestia, che racconta la storia e le sofferenze degli irlandesi, in particolare nell’area delle Midlands, all’epoca della miseria.
    strokestownpark.ie
  • Il Lough Ree è ideale per una crociera alla scoperta delle romantiche e misteriose isole del lago, ricoperte di boschi, fra cui la famosa Hare Island. Sulla sponda occidentale del lago, si può esplorare la penisola di Rinndown, a est del villaggio di Lecarrow, fra ruderi medievali e paesaggi spettrali, fra impervi sentieri boscosi che portano fino alle rive del lago.

3° giorno: contea di Leitrim

Attraverserete un paesaggio dolce, dove il profilo ondulato delle colline chiude le distese sconfinate di verdi piane punteggiate di laghi lucenti. I più grandi sono il Lough Allen e il Lough Melvin.

Vi suggeriamo una sosta a Carrick-on-Shannon, il capoluogo di contea più piccolo d’Irlanda e vero concentrato di storia. È uno dei principali punti di riferimento per la navigazione nel Leitrim e la sua marina è tra le più moderne e meglio attrezzate del Paese.

Consigli

  • Lough Kay Forest Park: la tenuta si estende sulle rive del lago disseminato di isolotti, resti di castelli neogotici e di abbazie, fra sentieri popolati da scoiattoli, cervi, volpi e moltissime varietà di uccelli.
    loughkey.ie
  • Derrycarne Woods: a nord di Dromod, ammanta la sponda di un lago (prendere la N4 da Longford). Lungo le sue rive corrono bei sentieri e l’area offre diversi svaghi.
  • Proseguite fino a Drumshanbo,  pittoresco villaggio affacciato sul Lough Allen.  Drumshanbo è un centro assai antico, la cui storia va ricondotta ai tempi lontanissimi in cui l’uomo preistorico viveva nelle caverne lungo il Lough Allen: per saperne di più potete visitare lo Sliabh an Iarainn visitor centre, che racconta la storia della contea.
  • Luogo di straordinaria bellezza e meta imprescindibile è la cascata di Glencar,  11 km a Ovest di Manorhamilton (N16).  Le acque si gettano da un’alta rupe con un salto scenografico di 50 metri. La cascata si raggiunge con un suggestivo sentiero nel bosco.
  • In generale, sono numerosi e bellissimi i sentieri segnalati nel Leitrim. Tra questi anche la Leitrim Way, che si snoda per una cinquantina di chilometri lungo fiumi e laghi, da Dowra a Manorhamilton.

4° giorno: contee di Cavan e Westmeath

Raggiungete la contea di Cavan,  punteggiata di placidi laghi. Il Cavan è un vero paradiso per la pesca e gli sport acquatici, ancora immune ai ritmi impietosi del business e del progresso.

Il territorio coperto di torbiere del Cavan è l’habitat ideale per una flora ricca e insolita.

Anche nel Cavan la navigazione lungo la Shannon-Erne Waterway è un passatempo assai diffuso. Le imbarcazioni possono essere noleggiate a Belturbet, nel Nord della contea (N54).

Consigli

  • Da visitare ci sono i piccoli paesini di Butlers Bridge e Belturbet, in prossimità degli specchi d’acqua: qui la parte superiore del Luogh Erne si infrange un una serie infinita di stretti e tortuosi corsi d’acqua che si trasformano a loro volta in isole, penisole, vedi territori boschivi in cui è facile perdersi: fate attenzione ai cartelli!
  • Merita una sosta Killeshandra,  importante centro di pescatori affacciato sul Lough Oughter, dove il Killykeen Forest Park si insinua tra specchi d’acqua e canali. Si tratta di un delizioso parco di quasi 250 ettari, attraversato da pittoreschi sentieri ben segnalati che penetrano nel folto degli alberi o costeggiano l’acqua. È il rifugio di uccelli e animali selvatici e abbraccia anche numerosi siti storici. Il parco è infine una palestra sotto il cielo per sport all’aria aperta, come per esempio il canottaggio e la vela.

Proseguite ora verso sud lungo la N3, passando da Ballyjamesduff con il Cavan County Museum  prima di chiudere l’anello a Mullingar.

Consigli

Per gli amanti dei monumenti casigliano una deviazione a 24 km da Mullingar, a vedere le Fore e le sue sette meraviglie:

  1. il monastero di Quaking Scraw, complesso monastico benedettino del ‘400
  2. il mulino senza Gora
  3. il fiume che scorre verso l’Alto
  4. l’albero che non brucia
  5. l’acqua che non bolle
  6. la pietra eretta dalla preghiere di St.Fechin
  7. l’anacoreta della Pietra