Itinerario nel Connemara

Un piccolo assaggio della verde Erin, un condensato ideale per chi ha poco tempo e vuole scoprire, anche solo per un week end, le meraviglie d’Irlanda.

Percorso: 251 km | Durata: 2 giorni | Periodo consigliato: giugno/luglio

Il breve giro che vi proponiamo è sicuramente un assaggio piccolo ma indimenticabile della verde Erin, un condensato ideale per chi ha poco tempo e vuole scoprire, anche solo per un week end, le meraviglie d’Irlanda.

Tre giorni brevi ma ricchi di luoghi, suggestioni, panorami e angoli di vera pace. E’ anche il modo per approfondire questa zona pensando ad un tour più lungo in futuro, una specie di focus sul Connemara.

Tappe principali

  1. Galway – Clifden (tour costiero) | 130 km
  2. Clifden – Galway (tour interno) | 165 km

Da Galway sono possibili due diverse opzioni di viaggio, che consentono di ammirare due aspetti diversi ma entrambi bellissimi della zona del Connemara, la costa e l’interno.

Noi ve li proponiamo separati a formare un piccolo itinerario dedicato al Connemara ma i due percorsi possono anche essere condensati in un giorno solo, a seconda delle singole esigenze e degli interessi personali.

Itinerario giorno per giorno

1° giorno: Galway – Clifden

dog bay_da filsduvent59Il tour costiero prevede il passaggio fra tanti villaggi, tutti pittoreschi e che meritano micro soste anche solo per ammirare gli spettacolari affacci sul mare.

Questi villaggi di pescatori sono uno dietro l’altro e vi sapranno regalare le migliori fotografie del vostro viaggio per le casette, i porti, i colori della natura e i volti unici dei loro abitanti.

Spiddall, Rossaveel, la meravigliosa spiaggia di Carraroe, il giro della Gorumna Island collegata alla terra ferma da ponti, Screeb, Carna e le sue mille isolette, Mace Head, Gortmore, Cashel, Roundstone, Slyne Head su fino alla cittadina di Clifden.

Consigli

  • Non perdete la bellissima Dog’s Bay… un vero incanto!
  • Ci sono tantissime soste intermedie che potete effettuare: basta fermare la macchina e avventurarvi a piedi o semplicemente camminando sulla sabbia.
  • La strategia migliore? Andare a intuito e lasciarsi guidare e perdere nelle piccole stradine secondarie, che regalano le sorprese più gradite e inaspettate!

2° giorno: Clifden – Galway

connemara5_da Sean TomkinsPrima di rientrare a Galway, una tappa d’obbligo è sicuramente la Kylemore Abbey: vi avvisiamo però che l’interno è alquanto deludente, dal momento che oggi ospita un convitto di signorine  ed è visitabile solo una piccola parte.  Merita invece una sosta per vedere il colpo d’occhio dall’esterno, per la sua posizione panoramica affacciata sul lago.

Tornando indietro, lungo la R344 in direzione del Lough Corrib, ammirerete i paesaggi che rendono famosa questa regione: laghetti, brughiere, torbiere, spazi sconfinati dai mille colori, che cambiano con l’incessante variare della luce, del sole, delle ombre e del passaggio di nuvole.

È possibile recarsi al Connemara National Park, situato vicino a Letterfrack: circa 2.000 ettari di splendida campagna ricca di fauna e flora, sulle pendici dei Twelve Bens, oltre alla possibilità di consultare mostre, percorsi naturali e uno spettacolo audiovisivo, cui si aggiunge un programma estivo di passeggiate, discorsi ed eventi speciali per i più piccoli. Ma il modo migliore per scoprire il Connemara è sicuramente quello di lasciarsi trasportare dalla visione dei suoi paesaggi e prendersi tutto il tempo necessario per assaporare ogni veduta e ogni angolo.

Tornando verso Galway, passate da Cong, la cittadina incastonata fra due splendidi laghi, il Lough Corrib e il Lough Mask. Vedute panoramiche che vi sorprenderanno!

Consigli

  • Se avete tempo, merita una deviazione la Sky Road, alle porte di Clifden: una strada panoramica che consente di ammirare paesaggi stupendi, a patto di non beccare la nebbia!
  • Un altro percorso alle porte di Clifden è la Rinvyle Peninsula: una circular route di estrema bellezza unita a paesaggi solitari e abitati quasi solo da pecore e mucche. Attenzione a imboccare le strade secondarie non asfaltate: oltre al rischio di rimanere impantanati nel fango in caso di piogge abbondanti, spesso non viene segnalato il cul de sac, ovvero l’essere a fondo cieco senza uscita con la conseguente difficoltà nel fare inversione.
  • Due passaggi d’obbligo sono Maam Cross, con la vista mozzafiato sulle Twelve Bens e Oughterad, piccolo ma delizioso villaggio a pochi passi dalle rive del Lough Corrib.
  • La Kylemore Abbey è deliziosa più che altro per la posizione sublime sulle acque chete del lago di fronte. L’interno, invece, è decisamente deludente e vi consigliamo, visto l’elevato costo del biglietto, di accedere solo ai giardini o, se avete fretta, solo uno sguardo da lontano, comunque spettacolare.
  • Ottimi posticini per mangiare e ascoltare musica a Clifden.