Contea di Longford

Cerca Hotel, B&B e Case vacanze
Cerca

La contea Longford (An Longfort = landing-place of the boats = molo delle barche) è una delle più belle contee delle Midlands irlandesi.

La contea Longford è situata sul bacino dello Shannon e sul bacino superiore del Lough Ree. E infatti la pesca in queste acque è la maggiore attrattiva della contea. Il villaggio di Lanesborough è la base principale per la pesca di svariate qualità di pesci d’acqua dolce può essere effettuata dalle rive dello Shannon o affittando un barca sul Lough Ree.

In generale è un territorio costituito di pianure ondulate, corsi d’acqua e paludi, oltre a paesi che la rendono un luogo incantevole.

Cosa vedere

Longford

Capoluogo della contea omonima, Longford è situata lungo la sponda meridionale del fiume Camlin.

È un centro economico sviluppatosi con la fondazione di una prioria domenicana nel 1400, di cui non rimane alcuna traccia.

La città offre poche interessanti attrattive, ma ci si può fermare prendendola come base per visitare il resto della contea e in particolare l’attrattiva principale, la Carriglass Manor.

Da vedere la St. Mel’s Cathedral, il Diocesan Museum e il St Joseph’s Convent.

Carrigglas Manor

2Carryglass Manor, Carrickglass Demesne, Co. Longford, Ireland

Nelle immediate vicinanze di Longford si trova la Carrigglas Manor, un edificio neogotico tardo romantico, tuttora abitato dalla famiglia Lefroy, il cui componente Thomas Lefroy la fece costruire nel 1837.

Thomas Lefroy fu uno spasimante della scrittrice Jane Austen e alcuni studiosi affermano che il personaggio di Darcy, in Orgoglio e Pregiudizio, sia ispirato proprio a lui.

Il giardino palladiano, le scuderie, il museo di costumi e una passeggiata nel bosco aggiungono fascino a questa località.

Granard

Riprendendo la N4 da Carriglas Manor, si raggiunge Granard, cittadina famosa soprattutto per l’Harp Festival che si tiene ogni anno in aprile.

Il primo festival risale al 1781 e fu ripreso nel 1981. Si tratta di una manifestazione con competizioni, intrattenimenti, sessions. È possibile, tra l’altro, prendere lezioni di arpa.

Edgeworthstown

Località il cui nome deriva dalla famiglia Edgeworth, che fondò il paese.

Membro più celebre della famiglia è Maria Edgeworth (1767-1849), autrice di “Castle Rackrent”, scritto prima dell’Act of Unione del 1801.

Il paese oggi consta di poco più che un crocicchio e la Edgeworthstown House ospita una clinica privata.

Da vedere la tomba di Maria Edgeworth nel cimitero della St John’s Church, la St. John’s Church of Ireland e la St. Mary’s Catholic Church.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

Dove dormire

Cerca
Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel e B&B consigliati

Appartamento
Cathedral View Apartments
Longford - 4 Keon's Terrace Dublin Road
9.5Eccezionale 441 recensioni
Prenota ora
B&B
Abbeyview House
Abbeyshrule - Abbeyshrule, AbbeyviewMisure sanitarie extra
9.4Eccellente 305 recensioni
Prenota ora
B&B
Augherea House
Longford - Longford AghareaghMisure sanitarie extra
9.6Eccezionale 291 recensioni
Prenota ora
Vedi tutti gli alloggi

Storia

Creata nel 1564, prese il nome dalla città principale, conosciuta come Longfort Uí Fearghail, “O’Farrell’s landing place”, banchina di O’Farrell.
La famiglia O’Farrell governò a lungo la piccola contea Longford, che confina con le regioni Ulster e Connaught.

Sebbene il territorio fosse stato ceduto ai de Lacy nel XII secolo, gli O’Farrells governarono fino al XVII secolo, quando si stabilirono alcune colonie inglesi.
Risale a questo periodo la presenza della famiglia Edgeworth, cui apparteneva anche la scrittrice Maria Edgeworth, e il cui nome sopravvive nel villaggio che fondarono, Edgeworthstown.

Tra il 1841 e il 1851, gli anni della Grande Carestia, Longford perse quasi un terzo della sua popolazione per fame. E la perdita continuò nella conseguente emigrazione: nel 1986 la popolazione era un quarto di quella che fu nel 1841.