I cortometraggi in concorso all’Irish Film Festa 2017

Pubblicato il 22 marzo 2017 nella categoria Cinema

I cortometraggi in concorso all’Irish Film Festa 2017

Giunge alla decima edizione IRISH FILM FESTA, il festival interamente dedicato al cinema irlandese che quest’anno si terrà dal 30 marzo al 2 aprile, come di consueto alla Casa del Cinema di Roma.

Il concorso, riservato ai cortometraggi di produzione o co-produzione irlandese, presenta quest’anno quindici opere che spaziano tra vari generi e tecniche di realizzazione:

  • tre corti d’animazione (A Coat Made Dark, The Lost Letter e Second to None)
  • un documentario (Seán Hillen, Merging Views)
  • un mockumentary (STARZ)
  • un horror (Blight)
  • un thriller (Gridlock)
  • un fantasy (The Clockmaker’s Dream)
  • un adattamento ironico e contemporaneo di un antico poema gaelico (The Court, diretto dall’attore Seán T. Ó Meallaigh che ha partecipato alla scorsa edizione di IFF)
  • un biopic (Two Angry Men)
  • un commedia romantica interpretata da bambini (The Debt)
  • un racconto di formazione a tematica LGBT (Lily)
  • tre drammi (Homecoming, Pause e Today)

Da sottolineare anche la presenza di nomi importanti nei cast dei cortometraggi selezionati:

  • il protagonista di Gridlock è Moe Dunford (ospite al festival nel 2015 con Patrick’s Day di Terry McMahon, è tra gli interpreti della serie Vikings);
  • Gerard McSorley offre una straordinaria performance in STARZ, il cui co-regista, Martin McCann, è lui stesso un attore (lo abbiamo visto l’anno scorso in The Survivalist di Stephen Fingleton);
  • Two Angry Men vede Adrian Dunbar, anche lui già passato all’IFF, nei panni del drammaturgo nordirlandese Sam Thompson
  • l’esordiente Michael Shea in quelli del regista teatrale James Ellis (dirige il figlio di Ellis, Toto)
  • Jared HarrisKate Winslet sono invece, rispettivamente, le voci narranti di The Clockmaker’s Dream e The Lost Letter, diretto dal vincitore dell’IFF 2012 (con The Boy in the Bubble, narrato da Alan Rickman) Kealan O’Rourke.

“Il concorso cortometraggi, che abbiamo lanciato nel 2010, si fa di anno in anno più interessante e più seguito: sia dai filmmakers (quest’anno abbiamo ricevuto quasi 100 candidature) che dal pubblico. Del resto, come dimostrano i nomi degli attori che appaiono nei corti selezionati, questo è un settore che il cinema irlandese non considera affatto secondario, e nel quale si rispecchia la vivacità e la ricchezza di questa cinematografia”, commenta il direttore artistico Susanna Pellis.

 

Le opere in concorso

Blight (2015) – Brian Deane

Con George Blagden, Alicia Gerrard, Joe Hanley, Marie Ruane, Matthew O’Brien, John Delaney, Tristan Heanue, Donnacha Crowley.
Un giovane sacerdote viene inviato su una remota isola al largo della costa irlandese per difendere la locale comunità di pescatori dalla minaccia di oscure forze soprannaturali, ma niente è come sembra.

An Chúirt (The Court, 2014), Seán T. Ó Meallaigh

Con Séamus Hughes, Michelle Beamish, Joanne Ryan.
Un adattamento moderno del poema epico irlandese Cúirt An Mhéan Oíche / La corte di mezzanotte, scritto nel 1700 da Brian Merriman. The Clockmakr’s Dream (2015), Cashell Horgan con Joe Mullins e la voce narrante di Jared Harris.
In un mondo di automi, un fabbricante di orologi cerca di costruire la donna perfetta e darle il posto della moglie che ha perduto, ma è più difficile di quanto potesse immaginare. L’uomo deve trovare una soluzione prima che il tempo a sua disposizione finisca e il proprio mondo si fermi per sempre…

A Coat Made Dark (2015), Jack O’Shea

con le voci di Hugh O’Connor, Declan Conlon e Antonia Campbell Hughes
Un uomo segue gli ordini di un cane: deve indossare un misterioso soprabito con impossibili tasche.

The Debt (2015), Helen Flanagan

Con Lee O’Donoghue, Susie Power, Eabha Last
Daithi, dieci anni, si innamora di Jessica, una compagna di scuola. Il bambino chiede aiuto a Penny, la sua migliore amica, per riuscire a conquistare il cuore di Jessica.

Gridlock (2016), Ian Hunt Duffy

Con Moe Dunford, Peter Coonan, Steve Wall
Una bambina scompare nel corso di un ingorgo stradale. Il padre, sconvolto, improvvisa una squadra di ricerca di ritrovarla. Tutti i presenti sono possibili sospettati.

Homecoming (2016), Sinéad O’Loughlin

con David Greene, Johanna O’Brien
Un giovane, tornato da poco in Irlanda, cerca a fatica di trovare il proprio posto nel mondo. Un volto familiare lo spinge a chiedersi se le cose stiano per cambiare.

Lily (2016), Graham Cantwell

con Clara Harte, Dean Quinn, Leah McNamara, Amy-Joyce Hastings, Paul Ronan
Lily, una ragazza che sta per diventare donna, ha un segreto. Dovrà affrontare la sfida più grande della sua giovane vita.

The Lost Letter (2016), Kealan O’Rourke

con la voce narrante di Kate Winslet
La storia di un bambino impegnato a preparare il proprio quartiere in vista del Natale.

Pause (2016), Niamh Heery

con Janine Hardy
Una donna in stato confusionale arriva su un’isola per affrontare il proprio passato. Mentre riascolta vecchi nastri registrati in famiglia, l’ambiente che la circonda prende nuova vita.

Seán Hillen, Merging Views (2016), Paddy Cahill

Un ritratto dell’artista Séan Hillen, mostrato nella creazione di bellissimi fotomontaggi. Hillen condivide i propri pensieri sul lavoro e su una recente scoperta vissuta a livello personale.

Second To None (2016), Vincent Gallagher

Una commedia nera sul secondo uomo più vecchio del mondo.

STARZ (2016), Kevin Treacy, Martin McCann

con Gerard McSorley, Martin McCann, Michael Smiley, Tierna McGeown, Shane Todd, Laura Webster, Gerard McCabe
La troupe di un film documentario segue Dan Cambell, un agente di attori sull’orlo del fallimento che cerca disperatamente di proteggere la sua attività dall’ennesimo tribunale del lavoro.

Today (2015), Tristan Heanue

con John Connors, Lalor Roddy
Un uomo si sveglia nella propria automobile: è disorientato, non ricorda come sia finito lì in mezzo al nulla. Poi raccoglie lentamente i suoi pensieri, e la realtà di quanto accaduto lo colpisce con durezza.

Two Angry Men (2016), Toto Ellis

con Adrian Dunbar, Michael Shea, Conleth Hill, Michael Smilie, Julie Dearden, Lalor Roddy, Stefan Dunbar
La battaglia di James Ellis e Sam Thompson per mettere in scena la pièce teatrale Over the Bridge, nonostante la censura in vigore nella Belfast degli anni 50.